Salta al contenuto
Sant'Antonino

Oltre l'abitato di Ciano, salendo la strada provinciale che costeggia l'Enza in direzione Vetto, si incontra questa suggestiva chiesa, individuata anche fra i "Luoghi del Cuore" del Fondo Ambiente Italiano.

La chiesa è documentata dall'XI secolo come donazione da parte di nobildonna longobarda al Monastero di S. Prospero di Reggio.La collocazione originaria era in un luogo più alto, ma a seguito di una frana fu riedificata nel XV secolo nella posizione attuale, più vicina al fiume. L'attuale facciata fu ricostruita con l'attuale orientamento nel XVI secolo; nel secolo successivo vennero aggiunte le cappelle laterali, con altari dedicati alla Madonna del Rosario e a San Giuseppe, e sculture lignee.

Il fronte è decorato da un doppio ordine di lesene che sorreggono cornici ed architravi; ai due lati del portale sono collocate nicchie archivoltate, mentre l'interno prende luce da una finestra rettangolare sovrastante il portale stesso.

L'intonaco della facciata contrasta gradevolmente con i conci a vista del campanile e del corpo meridionale.

immagine google street view

Ultimo aggiornamento

09-11-2022 17:11

Questa pagina ti è stata utile?