Salta al contenuto
San Martino

La chiesa figura nel 1156 tra le dipendenti da Canossa con il titolo di San Martino e viene nominata tra quelle della Pieve di Caviano in una carta del 1210. Nel XVII secolo risultava orientata in senso inverso; a fine secolo fu ricostruita con l'orientamento attuale.

Ad eccezione della facciata, rivestita da intonaco e con i tipici elementi decorativi settecenteschi, nel resto della struttura è chiaramente visibile il materiale costruttivo, un gradevole misto di mattoni e ciottoli. Spettacolare il campanile.

 

All'interno è custodita una tela raffigurante l'episodio biblico di Agar ed Ismaele nel deserto, attribuita a Guido Reni.  La chiesa era separata dal paese dal rio della Chiesa che scorreva nell'area occupata dalla moderna piazza.

Altre informazioni

Ultimo aggiornamento

09-11-2022 17:11

Questa pagina ti è stata utile?