Salta al contenuto

Adolescenti al tempo della pandemia

Presentata il 9 novembre al Museo Cervi la ricerca della Regione

Data:

10-11-2021

Adolescenti al tempo  della pandemia

Nel febbraio 2021 la Regione Emilia-Romagna ha avviato una rilevazione tra studentesse e studenti di tutte le scuole secondarie di 1° e 2° grado per conoscere le ricadute della pandemia nella vita di preadolescenti e adolescenti.

Nella serata del 9 novembre, presso la sede del Museo Cervi a Gattatico, Maria Teresa Paladino del Servizio Politiche Sociali e Socio Educative della Regione ha illustrato gli esiti della ricerca, oggetto di confronto tra tutti gli Amministratori ed i professionisti che lavorano nell’ambito delle politiche giovanili dei Comuni della Val d’Enza.

Sono intervenuti: Luca Ronzoni, Presidente dell’Unione Val d’Enza, Simona Bigi, Responsabile dell’Ufficio di Piano Distrettuale, Monica Pedroni, Responsabile Area Famiglia, Infanzia Età Evolutiva ASP C. Sartori.

“Dalle voci dei giovani" ha dichiarato Simona Bigi, "sono emersi i comportamenti e le emozioni vissute durante la pandemia, la relazione con la scuola e con il mondo degli adulti. Non sono emersi solo importanti di disagio, come l’aumento di rassegnazione, rabbia, ansia, e solitudine (58,5%); sono emersi anche fattori positivi sui quali lavorare per costruire anche da parte delle istituzioni e delle reti sociali interessanti piste di lavoro per il benessere dei ragazzi. Ad esempio sono emersi nuovi hobby come la musica e la cucina (per il 41%) e – molto interessante - l’aumento del dialogo con i genitori (35,5%). Si tratta di spunti preziosissimi, che possono aiutarci ad orientare meglio gli interventi rivolti ai giovani sul territorio della Val d’Enza”.

 “Siamo in un momento di profondo cambiamento, culturale, economico e sociale"  ha dichiarato Luca Ronzoni. "Sono in corso diverse situazioni che comporteranno un profondo mutamento che si riverbererà anche sui nostri giovani. Abbiamo voluto mettere a frutto questa importante ricerca della Regione Emilia Romagna e condividerla con tutti gli amministratori e i professionisti del nostro territorio, per conoscere e capire i nuovi scenari di riferimento, con l’obiettivo di programmare interventi per i nostri ragazzi, sempre più rispondenti alle loro esigenze per offrirgli un supporto, un riferimento affinché possano crescere anche in tempi così difficili”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

25-11-2021 16:11

Questa pagina ti è stata utile?